H O M E

 

♫ ASCOLTA LE SUE CANZONI CON TESTI E ACCORDI ♫

 

contatta l'autore

geog@inwind.it

 

 

CARLO PIRAS

cagliaritano, di adozione tosco/livornese: autore, compositore, musicista e cantante fin dall'età di quattordici anni

(una sua vecchia massima: "scrivo canzoni perché i dischi dei cantanti veri costano troppo...")

nato a Cagliari la mattina del 4 Novembre 1966 (giorno di San Carlo Borromeo e dell'infausta esondazione del fiume Arno a Firenze), già autore e compositore melodista della formazione musicale denominata “La Tela di Penelope” (ex Jazz Set). Chitarrista e cantante, ha iniziato gli studi della chitarra classica in Sardegna. Appassionatosi alla pop-music, si inseriva, come bassista, in vari gruppi dell’hinterland cagliaritano. (continua ad esibirsi in Jam Session estemporanee in qualità di strumentista).

Trasferitosi a Grosseto - nei primi anni ’80 - approfondisce  lo stile della funky-music della “Momo’s Band” con il noto e virtuoso chitarrista  Andrea Morucci.

Negli ambienti musicali fiorentini degli anni ’90, ebbe la possibilità di avere una breve ma significativa collaborazione con la nota cantante  Irene Grandi - a quel tempo vivace ed allegra universitaria, dotata di irrefrenabile grinta e singolare talento.

Negli anni ’90 – partecipa su Rai Due al programma televisivo "Ricomincio da Due" - presentando un suo  brano inedito “Club Privati”, unitamente ai cantanti Enrico Ruggeri, Antonio Bungaro, Marco Conidi e Rosario Di Bella.

Nel 1994, stabilitosi a Varsavia, partecipa al programma radiofonico condotto da Marek Niedzwiecki presso la radio nazionale di Stato “Program III Polskiego Radia”, proponendo la propria musica ed illustrando il panorama cantautorale italiano.

In Polonia, altro spazio radiofonico gli viene concesso dall’emittente universitaria della facoltà di Italianistica “Radio 4”, presentando le opere dei cantautori italiani (De André, Conte e Tenco Lolli ecc.).

Nell’ambiente musicale polacco si appassiona particolarmente al Jazz, scrivendo musiche sulle scie degli antichi stili del Cool di Chicago ed assaporando, con debito rispetto, i frizzanti standard swing dei vari Benny Goodman, Gleen Miller e Duke Ellington.

Al rientro in patria toscana, insieme al batterista Riccardo Biagini, al bassista Paolo Muzzi ed al figlio chitarrista Piergiorgio Piras costituisce il gruppo “Jazz Set”, oggi ribattezzato “La Tela di Penelope”.

La “T.d.P.” ha accompagnato attori e cabarettisti in varie rassegne teatrali, fra questi: Graziano Salvadori e Stefano Bellani e Giovanni Bondi.  

Fra le soddisfazioni di cui ama ricordare vi é l'affettuoso sentimento di partecipazione espresso da parte del Prof. Vittorio Boarini, Direttore della Fondazione Federico Fellini, al riguardo del brano dedicato al Regista, intitolato "Amarcurd".

Fedelissimo al suo Cagliari - calcio scrive  Un Cuore Rossoblu. Dedica agli atleti della Polisportiva "Garzella" - Don Giovanni Bosco: Viva la Garzella.

sito web: "LA TELA DI PENELOPE" Band.

 

Come tutti gli italiani, sensibile ai tristi eventi del terribile sisma che ha colpito il popolo d'Abruzzo, ha dedicato una canzone ai bambini costretti a vivere nelle tendopoli, osservando il dolore con i loro occhi innocenti: Bimbi dell'Abruzzo

 

Il 19 Aprile 2009, a pochi giorni dal terremoto che ha lacerato l’Abruzzo (6.4.2009) da Radio Genesis -970 Khz di Buenos Aires (Argentina), l’amica Teresa Fantasia manda in onda il brano “Bimbi dell’Abruzzo”..

 

L'A.I.M.P.A. (Associazione Imprenditori Abruzzesi), rappresentata da Palmino Di Giacinto, la sera del 2 Luglio 2009, invitava presso l'Hotel Serena Majestic di Montesilvano (Pesaro), l'autore Carlo Piras, del brano "Bimbi dell'Abruzzo", interpretata, nell'occasione dalla cantante della T.d.P. Eleonora Micol. La Cena di Gala, finalizzata alla raccolta di fondi destinati ai terremotati dell'Abruzzo veniva presentata da Barbara Chiappini, Franco Di Mare, con la partecipazione di Valeria Marini, i comici Maurizio Mattioli, Andrea Perroni ed il tappeto musicale del quartetto d'archi "Le Blu": Bimbi dell'Abruzzo interpretata da Eleonora Micol Pandalone   

Nell'occasione la testata de Il Tirreno dedicava alla band T.d.P. un riguardevole articolo di stampa a cura della redattrice Alessia Ripani.

La sera del 13 Luglio 2009 Carlo Piras va in onda su Rai Radio Uno, dagli Studi di Saxa Rubra con i brani "Amarcurd" e "Compay". Programma, Demo-Rai, condotto da Michael Pergolani e Renato Marengo, storici figliocci di Renzo Arbore:

Carlo Piras, unitamente alla "Tela di Penelope” suonerà, dal vivo, con i 7 finalisti dell’autorevole Concorso “Premio Bruno Lauzi”-canzone d’autore, la sera del 4 Settembre 2009, nell’affascinante cornice della Piazzetta San Nicola di Anacapri (Capri Isola – NA-) il brano “Alla Deriva” (testo e musica di Carlo Piras).

L’importante appuntamento sarà condotto dalla Direzione Artistica del noto giornalista e scrittore Roberto Gianani. La Giuria sarà composta da professionisti di eccezione: Peppino Di CapriGianfranco Reverberi Mariella Nava ed Edoardo Vianello.

La serata andrà in diretta radiofonica sull’emittente “Radio Dimensione Suono, RDS”, unitamente a dei passaggi video a cura della Rai Tv.

 

Ancora una volta, la seconda per esattezza, Carlo, con “La Tela di Penelope” il 4 settembre 2010 si presenterà in finale al “PREMIO ANACAPRI BRUNO LAUZI – CANZONE D’AUTORE 2010” con il suo brano "DANSE DANSE"  - dinanzi  alla Giuria presieduta dal Maestro Gianfranco Reverberi, compositore e musicista, Roberto Gianani, Direttore Artistico, scrittore e giornalista, Andrea Vianello, giornalista e conduttore Rai, Alberto Zeppieri e Cinzia Fiorato, giornalisti, Giorgio Calabrese, celebre paroliere ed autore televisivo, Franco Fasano, compositore e musicista, Pietro Gargano, musicologo, Edoardo Vianello, musicista e compositore, Maurizio Lauzi musicista, (figlio di Bruno), Peppino Di Capri, in qualità di ospite d'onore, unitamente a Carlo Marrale, storico autore e musicista dei "Matia Bazar".

 

Carlo, con la La Tela di penelope, la sera del 24 Settembre 2010 si esibisce fra i dieci fortunati finalisti del Premio "PIGRO CANTAUTORI IN VIGNA" (in memoria del cantautore e musicista Ivan Graziani), con il brano interamente composto e cantato da lui Il Rock and Roll presso l'Azienda Agricola "Zaccagnini" di Bolognano (Pesaro). Rassegna promossa dall'Associazione Culturale Pigro e dalla S.I.A.E. Società Italiana Autori ed Editori 

La sera del 9 Marzo 2011 la Tela di Penelope viene prescelta per trasmissione radiofonica su Rai Radio Uno, nel programma speciale "Demo", a cura di Renato Marengo e Michael Pergolani, con presentazione del brano: "Come una piuma", interamente composta e cantata da Carlo.

 

Maggio 2011, Carlo compone il brano “Restare Umani”, interamente offerto ad un ragazzo,  sconosciuto, di nome Vittorio Arrigoni, (perché non si può morire a vent'anni), assassinato il 15 Aprile 2011 a Gaza, a seguito di una sordida negoziazione fra jihadisti.

Il video veniva ufficialmente pubblicato nel blog del noto sacerdote, Don Giorgio Capitani, parroco - fuori dagli schemi - di Rovagnate (Lecco).

Egidia ed Ettore Arrigoni, genitori di Vittorio, dopo aver ascoltato il brano indirizzavano all'autore il commovente pensiero:

"Caro Carlo, siamo i genitori di Vittorio. Abbiamo ascoltato la tua canzone. E' bella, giusta. Ci fa piangere e commuovere, ma ci dà anche speranza di cieli nuovi, non dal fosforo bianco illuminati, ma da stelle di pace. Grazie. Con grande affetto Egidia e Ettore Arrgoni". (17.5.2011)

 

La sera di Sabato, 28 Maggio 2011, ad Orentano (Pisa) la T.d.P. è stata invitata quale ospite musicale dall’Associazione “Amici della Zizzi” di Livorno – (bimbi in affido, presenziata dal Presidente, Riccardo Ripoli, in occasione della cena di beneficenza tenutasi a favore dell’ambizioso progetto della "Nuova Casa Zizzi". Per l’occasione la T.d.P. Carlo Piras ha composto il brano intitolato “La Storia di una Luce”. La serata è stata trasmessa dalla Rai-Tv.

 

La sera di Sabato 4 Giugno 2011, presso lo storico Teatro "Goldoni" di Livorno, in occasione della Rassegna Musicale Golden Disc (Premio Nazionale per Interpreti e Cantautori), alla giovane livornese Linda Fabbri veniva aggiudicato il Premio della Critica Musicale per l'interpretazione della canzone "La Fiaba del Lupo", testo e musica di Carlo Piras. 

 

Un pomeriggio di fine estate del 2012 Carlo si reca in visita a Sant'Anna di Stazzema (LU), ove il 12 di Agosto del 1944, si consumò uno dei più atroci crimini commessi ai danni delle popolazioni civili nel secondo dopoguerra in Italia. La furia omicida dei nazi-fascisti si abbattè, improvvisa e implacabile, su tutto e su tutti. Nel giro di poche ore, nei borghi del piccolo paese, alla Vaccareccia, alle Case, al Moco, al Pero, ai Coletti, centinaia e centinaia di corpi rimasero a terra, senza vita, trucidati, bruciati, straziati. 560 NE UCCISERO SENZA PIETA' - LA PIU' PICCOLA ERA ANNA PARDINI - AVEVA APPENA 20 GIORNI DI VITA. In riflessione di quanto visto quel pomeriggio di fine estate Carlo ha scritto "Le Campane di Sant'Anna".

 
…e poi nella sua storia, Carlo, ha anche altre cose, altre cose oltre al  sudore e alla polvere di tante sale prova e serate passate a suonare e graffiarsi le mani sugli strumenti senza chiedere nulla.  Quei brani, quelle musiche, sono state proposte garbatamente e con  semplicità a personaggi di comprovato valore, come il Maestro Gian Franco REVERBERI, come Paolo FRESU, e Marino SEVERINI, tra gli altri, i quali gentilmente hanno ascoltato e accolto con interesse le nostre musiche, esprimendosi con favore,  regalandoci un sogno in più e la forza di proseguire oltre.

 

 

Venerdì, 16 Ottobre 2015, in occasione di una riflessione sulla patologia (dalla Diagnosi alla cura) della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), a cui hanno preso parte, presso l'Auditorium della Chiesa del Suffragio del Conservatorio "Luigi Boccherini" di Lucca, la Dottoressa Letizia Mazzini (Responsabile del Centro Regionale SLA - Clinica Neurologica Università del Piemonte Orientale - Novara); il Prof. Gabriele Siciliano (Dipartimento di Neuroscienze - Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Pisa); Dottor Filippo Cavallo (dell'Istituto "BioRobotics" della Scuola Superiore ant'Anna di Pisa); Dottor Luca Biasci (Psichiatra, presso ASL 5 di Pisa) - Carlo ha presentato il suo brano intitolato "Sotto un cielo diverso", dedicato al suo amico Stefano Bagnati. 

 
Oggi Carlo segue un progetto musicale, in acustico, unitamente al vecchio amico Riccardo Biagini, batterista/percussionista con il quale collabora da tempo.

♫ ASCOLTA LE SUE CANZONI CON TESTI E ACCORDI ♫

Il presente sito è stato realizzato per fini esclusivamente artistici, tesi a promuovere la musica d’Autore italiana composta da Carlo Piras. NO-PROFIT